Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Editoria
Editoria | 30 Ott 2019
CONDIVIDI:

Poligrafici Editoriale, sciopero degli addetti dei centri stampa dopo la morte di un lavoratore

Lo stampatore mercoledì scorso si era infortunato seriamente a una mano, finita in un macchinario. Le sue condizioni si sono aggravate in ospedale, per complicanze cardiache, dopo due interventi a cui è stato sottoposto per la ricostruzione della mano. Il cordoglio dei Cdr del gruppo.
Rotative in azione

In seguito ad uno sciopero indetto improvvisamente nella tarda serata di ieri, 29 ottobre 2019, dai sindacati dei lavoratori dei centri stampa della Poligrafici Editoriale di Bologna e Firenze, diverse edizioni dei quotidiani del Gruppo non sono in edicola questa mattina. L'iniziativa è stata presa dopo la morte, ieri, di un lavoratore di 61 anni, ricoverato in ospedale a Modena.

L'addetto, impiegato nella rotativa del Resto del Carlino di Bologna, mercoledì scorso si era infortunato seriamente a una mano, finita in un macchinario. Le sue condizioni si sono aggravate in ospedale, per complicanze cardiache, dopo due interventi a cui è stato sottoposto per la ricostruzione della mano.
«Un episodio gravissimo», è il commento del Coordinamento dei Comitati di redazione della Poligrafici Editoriale (Qn; Quotidiano.net; il Resto del Carlino; La Nazione; Il Giorno) che, in una nota, esprime «sgomento» per la morte dello stampatore.

«Il Coordinamento – proseguono i Cdr – si stringe alla famiglia del lavoratore ed è al fianco dei sindacati per qualsiasi iniziativa che decideranno di intraprendere. Ci auguriamo che sull'intera vicenda venga fatta piena luce e che si accerti che tutti i criteri di sicurezza, previsti dalla legge, siano stati rispettati dall'azienda anche al fine di tutelare il lavoro futuro di tutti i colleghi. Esprimiamo la nostra viva preoccupazione per i carichi di lavoro denunciati in queste ore dalle Rsu, lievitati in seguito alle nuove commesse dell'azienda e alla progressiva riduzione di organico».

Il Coordinamento, concludono i giornalisti, informerà a breve tutti i colleghi sulle iniziative di solidarietà che saranno intraprese in favore della famiglia del lavoratore deceduto e di tutta la categoria degli stampatori».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più