CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
La home page di ilmattino.it
Vertenze 09 Feb 2021

Vertenza collaboratori del Mattino, il sindacato scrive ai prefetti della Campania

La richiesta di aprire un tavolo sui lavoratori autonomi del quotidiano, la costituzione di un coordinamento dei collaboratori e il sostegno completo per chiunque voglia avviare vertenze individuali. È quanto stabilito in un'assemblea con i giornalisti cui hanno partecipato anche il segretario generale aggiunto Fnsi Mattia Motta e il segretario del Sugc Claudio Silvestri.

Una lettera ai prefetti delle cinque province campane per l'apertura di un tavolo sui lavoratori autonomi del Mattino, la costituzione di un coordinamento dei collaboratori e il sostegno completo per chiunque voglia avviare vertenze individuali. È quanto stabilito in un'assemblea con i collaboratori del Mattino organizzata dal Sindacato unitario giornalisti della Campania, alla quale ha partecipato il segretario generale aggiunto della Fnsi, Mattia Motta, presidente della Commissione nazionale lavoro autonomo, e alla quale erano presenti il segretario del Sugc Claudio Silvestri, la vicesegretaria e componente della Commissione nazionale lavoro autonomo Roberta De Maddi, il consigliere Antonio Vuolo, i segretari provinciali Marzio Di Mezza, Antonella Monaco e Amedeo Picariello, il consigliere nazionale della Fnsi Gerardo Ausiello.

Durante l'incontro è stata evidenziata l'importanza della riapertura del tavolo sull'equo compenso, che ha avuto un nuovo stop con la caduta del governo, ma anche la necessità immediata di creare un fronte comune e compatto per affrontare in maniera più efficace il confronto con l'editore. I lavoratori hanno confermato lo stato di agitazione e si sono dichiarati pronti a nuove forme di protesta.

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più