Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Associazioni
Associazioni | 30 Ott 2020
CONDIVIDI:

A Milano un giardino dedicato a Ilaria Alpi. Alg: «Bene l'iniziativa, assurde le scuse di chi non ha votato»

Tre consiglieri della Lega si sono astenuti dichiarando che la giornalista «è morta sul lavoro» e che «non aveva rapporti con Milano». «Motivazioni pelose», commenta Paolo Perucchini, che ringrazia il consiglio del Municipio 8 per la decisione assunta e rilancia: «Ora la panchina nel Parco Solari dedicata a Walter Tobagi nel 40° anniversario dell'omicidio».
Paolo Perucchini, presidente dell'Associazione Lombarda dei Giornalisti

A Milano il consiglio del Municipio 8 ha deciso di dedicare un giardino in via Mario Borsa ad Ilaria Alpi, giornalista Rai uccisa a Mogadiscio nel 1994, assieme al collega Miran Hrovatin, durante un'inchiesta per il Tg3 sul traffico di rifiuti in Somalia. Ma la scelta non è stata unanime: durante la seduta di consiglio, tre consiglieri della Lega si sono astenuti dichiarando che Ilaria Alpi «è morta sul lavoro» e che «non aveva rapporti con Milano». «Motivazioni pelose, quelle dei tre consiglieri leghisti – commenta il presidente dell'Associazione Lombarda dei Giornalisti, Paolo Perucchini – in certi casi è meglio dire un secco no che trovare scuse. Anna Politkovskaya, uccisa a Mosca nel 2006, è morta anche lei sul lavoro? Aveva a che fare con Milano? Eppure Milano le ha intitolato un giardino proprio sotto piazza Gae Aulenti. Milano, capitale dell'editoria italiana, dedica da molti anni giardini e spazi verdi ai giornalisti. Senza guardare alla milanesità e nemmeno a come sono morti. Piuttosto, al loro valore, alla dedizione con cui hanno svolto il loro mestiere che qualche volta, come nel caso di Ilaria e Anna, hanno pagato con la vita. Ringraziamo il consiglio del Municipio 8 per la decisione assunta che conferma l'attenzione di Milano, capitale dell'editoria, al valore dell'informazione».

Intitolare lo spazio verde di via Borsa a Ilaria Alpi, prosegue Perucchini, «è un gesto di forte sensibilità nei confronti di tutti i giornalisti che quotidianamente, con il loro lavoro, illuminano territori, periferie e situazioni dove il malaffare, le mafie, o, in alcuni Paesi, poteri ancora più forti, operano indisturbati. In questo senso, i giornalisti come Ilaria svolgono un ruolo sociale che deve essere universalmente riconosciuto. Oltre al giardino dedicato a lei, l'Associazione Lombarda dei Giornalisti si augura che nelle prossime settimane si concretizzi anche l'idea di una speciale panchina del Parco Solari, dedicata a Walter Tobagi (nel 40° anniversario del suo omicidio). Un progetto condiviso a maggio scorso dal sindaco di Milano, Giuseppe Sala, su proposta di Alg e Federazione nazionale della Stampa italiana».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più