Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Internazionale
Internazionale | 12 Dic 2019
CONDIVIDI:

Albania, libertà di informazione a rischio. Fnsi: «Governo italiano e Ue intervengano»

La prossima settimana comincerà l'iter parlamentare della proposta di legge, fortemente voluta dall'esecutivo, che con il pretesto di contrastare il fenomeno delle fake news permetterà ad un'autorità pubblica di nomina governativa di chiudere e oscurare i siti web di notizie. Per il segretario generale Lorusso, quella che vivono i media albanesi è «una situazione inaccettabile».
La denuncia della Fnsi: «In Albania libertà di informazione a rischio»

Il parlamento e il governo dell'Albania si preparano ad assestare il colpo di grazia alla libertà di stampa nel silenzio assordante della comunità internazionale. La prossima settimana comincerà l'iter parlamentare della proposta di legge, fortemente voluta dal governo, che con il pretesto di contrastare il fenomeno delle fake news, permetterà ad un'autorità pubblica di nomina governativa di chiudere e oscurare i siti web di informazione.

La Federazione nazionale della Stampa italiana «fa sua la denuncia dei colleghi albanesi e invita l'Unione europea e il Consiglio d'Europa, ma anche il governo italiano, che con l'Albania intrattiene solidi rapporti diplomatici e commerciali, ad accendere i riflettori sulle azioni liberticide messe in atto nel Paese delle Aquile ai danni dei giornalisti e degli operatori dei media», commenta il segretario generale Raffaele Lorusso.

In Albania da anni la stampa non viene messa nelle condizioni di seguire gli eventi cui partecipano il premier, il sindaco di Tirana e i loro partiti. Le conferenze stampa sono cadute in disuso e, quando vengono convocate, non viene permesso ai giornalisti di fare domande.

«È una situazione inaccettabile – incalza Lorusso – che non può lasciare indifferenti le istituzioni e i governi europei. Se è vero che l'Albania è candidata ad entrare nell'Unione europea, è impensabile che i negoziati possano svolgersi soltanto su questioni di natura economico-finanziaria e non essere estesi alla garanzia del rispetto delle libertà e dei diritti fondamentali, a cominciare dalla libertà di espressione e di stampa».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più