Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Associazioni
Associazioni | 16 Ott 2020
CONDIVIDI:

Arzano, edicole chiuse e giornalisti minacciati davanti al Comune. Il Sugc: «Intervenga il prefetto»

Quella della commissione straordinaria della cittadina dell'hinterland napoletano dove è in atto un mini-lockdown è una «decisione incomprensibile», lamenta il sindacato regionale, che denuncia episodi di intolleranza nei confronti dei colleghi Mimmo Rubio e Marilena Natale.
Arzano (Napoli), proteste contro il mini-lockdown (Foto: Ansa)

«Appare incomprensibile la decisione della commissione straordinaria del Comune di Arzano di chiudere anche le edicole per il mini-lockdown. Il Sugc ha scritto al prefetto e alla commissione per rivedere l'ordinanza, ricordando che neanche nel periodo più difficile della pandemia in Italia, quando i morti erano migliaia, nessuno si è mai sognato di chiudere le edicole e di limitare il diritto dei cittadini, costituzionalmente garantito, di essere informati. La commissione dovrebbe preoccuparsi, piuttosto, degli assembramenti davanti al Comune, dove ieri sono stati minacciati da noti pregiudicati i giornalisti Mimmo Rubio e Marilena Natale». È quanto afferma il Sindacato unitario giornalisti Campania in una nota pubblicata anche sul sito web dell'Assostampa.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più