Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Internazionale
Internazionale | 12 Giu 2015
CONDIVIDI:

Giornalisti, Consiglio d’Europa “Garantire l’incolumità in aree a rischio come l'Est Europa” Appello al Parlamento ucraino

“Non possiamo restare a guardare. Garantire l'incolumità dei giornalisti sta diventando sempre più una questione da affrontare con urgenza, soprattutto in alcune aree dell'Europa dell'Est”. A dirlo è la senatrice del gruppo Misto, Adele Gambaro, presidente della commissione Cultura del Consiglio d'Europa, durante la conferenza regionale di sensibilizzazione per la sicurezza dei giornalisti, in corso presso il Parlamento ucraino.

“Non possiamo restare a guardare. Garantire l'incolumità dei giornalisti sta diventando sempre più una questione da affrontare con urgenza, soprattutto in alcune aree dell'Europa dell'Est”. A dirlo è la senatrice del gruppo Misto, Adele Gambaro, presidente della commissione Cultura del Consiglio d'Europa, durante la conferenza regionale di sensibilizzazione per la sicurezza dei giornalisti, in corso presso il Parlamento ucraino.

 “La morte del fotoreporter italiano Andrea Rocchelli, ucciso nella zona ucraina di Sloviansk nel maggio del 2014, rientra – prosegue la senatrice – nella lunga storia di perdite nel mondo della stampa. Ecco perché è necessario mettere in campo al più presto tutte le strategie in grado di assicurare protezione ai cronisti, da un lato, e nessuna impunità ai responsabili, dall'altro”.
Gambaro, quindi, insiste sulla “centralità che in questa missione svolgono sia i Parlamenti che la magistratura. Occorre un'azione congiunta: solo così - conclude la senatrice - potremo difendere realmente la libertà dei singoli Paesi”.
In materia di missioni militari nelle aree di crisi e di minacce alla sicurezza di giornalisti e operatori dell'informazione che lavorano in tali aree è in programma, il 18 giugno 2015 presso la Federazione Nazionale della Stampa, un corso di formazione organizzato dalla Fnsi e dall'Ufficio pubblica informazione dello Stato Maggiore della Difesa, su indicazione del Ministro della Difesa.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più