Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Minacce
Minacce | 23 Nov 2018
CONDIVIDI:

Minacce alla giornalista Graziella Di Mambro, la solidarietà di Fnsi e Ordine

La cronista finita nel mirino per le sue inchieste sugli appalti e la corruzione legata alla gestione dei rifiuti nel basso Lazio e a Minturno. «Le colleghe e i colleghi riprendano le sue inchieste, contribuendo a illuminare i covi dai quali sono partite le intimidazioni», chiedono i rappresentanti dei giornalisti.
La giornalista Graziella Di Mambro (Foto: mafie.blogautore.repubblica.it)

La Federazione nazionale della Stampa italiana e l'Ordine dei giornalisti sono vicini a Graziella Di Mambro, minacciata di lesioni per le sue inchieste sugli appalti e la corruzione legata alla gestione dei rifiuti nel basso Lazio e a Minturno. «Nelle intercettazioni rese note in questi giorni – spiegano i rappresentanti dei giornalisti – compaiono frasi dal sapore intimidatorio rivolte contro Graziella Di Mambro accusata di aver disturbato, con le sue inchieste pubblicate da 'Latina Oggi', i loschi e lucrosi affari che, per andare in porto, avevano bisogno di buio e silenzio. Nelle stesse intercettazioni compaiono invece i nomi di alcuni cronisti considerati 'amici' e su questi sarà l'Ordine a chiedere l'accesso agli atti».

La Fnsi e il Cnog saranno a completa disposizione di Graziella Di Mambro per tutte le iniziative che intenderà promuovere a tutela della sua dignità di donna, di giornalista, di cittadina impegnata quotidianamente contro le mafie e la corruzione. «Alle colleghe e ai colleghi – concludo sindacato e Ordine – chiediamo invece di riprendere le inchieste che hanno dato fastidio ai corrotti, di ripubblicarle, di amplificarle e di illuminare i covi dai quali sono partite le minacce».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più