Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Servizio pubblico | 15 Set 2016
CONDIVIDI:

Nomine esterne in Rai, Anac accerta la violazione delle procedure. Usigrai: «Quegli atti erano illegittimi»

L’Autorità nazionale anticorruzione ha accertato alcune irregolarità nelle procedure di assunzione dei dirigenti esterni in Rai. «Una censura ai vertici dell’azienda che non ha precedenti e che conferma la denuncia fatta dall'Usigrai, con il pieno sostegno della Fnsi, attraverso l'esposto inviato nei mesi scorsi ad Anac e Corte dei Conti», commenta il sindacato dei giornalisti del servizio pubblico. Il link alla delibera.
Il presidente dell’Anac, Raffaele Cantone

«La censura che arriva nei confronti del vertice Rai è senza precedenti. E conferma la denuncia fatta dall'Usigrai, con il pieno sostegno della Fnsi, attraverso l'esposto inviato nei mesi scorsi all'Anac e alla Corte dei Conti». Il sindacato dei giornalisti del servizio pubblico commenta così la delibera dell’Autorità sulla effettiva applicazione ed efficacia delle misure adottate nel Piano triennale di prevenzione della corruzione di Rai Spa.

«L'Autorità di garanzia anticorruzione – spiega l’Usigrai –, creata dal governo in carica per assicurare trasparenza nella gestione dei soldi dei cittadini, ha accertato che il vertice Rai prima si è dotato di procedure anticorruzione e poi le ha palesemente violate. Ad esempio con il mancato utilizzo, tranne in un caso, del job posting. O addirittura con una assunzione effettuata in presenza di ipotesi di conflitto di interessi».

O, ancora, riscontrando alcune irregolarità, nel caso di due posizioni lavorative, che l’Autorità rimette ora alla valutazione del ministero dell’Economia e delle finanze, in quanto ministero vigilante.

«Una situazione – rileva l’esecutivo dell’Usigrai – che mina la credibilità del Servizio pubblico, sulla quale serve una urgente riflessione dell'azionista, ovvero il ministero dell'Economia, e della Commissione parlamentare di Vigilanza. Anche perché è di tutta evidenza che questi atti illegittimi saranno valutati dalla Corte dei Conti per verificare l'eventuale danno erariale e le conseguenti responsabilità, a partire dal Direttore generale e dal Consiglio di Amministrazione».

PER APPROFONDIRE

Qui il link alla delibera dell’Anac (la numero 961 del 14 settembre 2016).

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più