Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Associazioni
Associazioni | 04 Dic 2019
CONDIVIDI:

Nuova Teleterni, l'Asu: «Forte preoccupazione per la situazione dell'emittente»

Collaborazioni non rinnovate. La richiesta ai dipendenti di ridurre l'orario di lavoro e quindi la retribuzione. In più da mesi non vengono versati in modo regolare stipendi e contributi all'Inpgi. L'Assostampa: «La proprietà torni al tavolo sindacale per offrire adeguate garanzie sulla prosecuzione dell'impresa editoriale».
Il presidente dell'Associazione Stampa Umbra, Marco Baruffi

L'Associazione Stampa Umbra esprime«forte preoccupazione» per la situazione di Nuova Teleterni, dove da mesi non vengono più versati in modo regolare stipendi e contributi all'Inpgi per il personale giornalistico.

«Alle serie difficoltà gestionali – spiega l'Assostampa – si aggiunge la scelta inaccettabile della proprietà di far pagare ai colleghi il prezzo di una ristrutturazione aziendale d'emergenza che mortifica e compromette l'attività dell'emittente. A questo portano infatti la decisione di non rinnovare i contratti di collaborazione a tre giornalisti, concludendo prima della scadenza il rapporto con un collega, e la richiesta ai dipendenti rimasti in azienda di ridurre l'orario di lavoro, con conseguente decurtazione della retribuzione».

Nell'esprimere solidarietà e vicinanza ai giornalisti coinvolti nella vicenda, ai quali l'Asu ha messo a disposizione la propria assistenza, «richiamiamo la proprietà a un atteggiamento responsabile e a sanare interamente le pendenze retributive e contributive, rispettando gli impegni assunti con i colleghi e con la nostra organizzazione sindacale», prosegue il sindacato regionale.

Quanto sta avvenendo a Nuova Teleterni, rileva ancora l'Asu, «rischia di generare una nuova drammatica crisi in un comprensorio già coinvolto in processi di depauperamento professionale della categoria giornalistica, nel quale testate storiche sono state interessate da pesanti ridimensionamenti o sono scomparse, con forti contraccolpi occupazionali.  Facciamo, pertanto, appello alle istituzioni locali e regionali perché prendano consapevolezza di quanto sta accadendo e assumano l'iniziativa di aprire un confronto con la proprietà di Nuova Teleterni per assicurare la continuità dell'attività dell'emittente e tutelare i posti di lavoro».

L'Asu ha già provveduto a investire la presidente Donatella Tesei, insieme alla nuova giunta regionale, della necessità di un confronto sulla situazione dell'informazione in Umbria e ritiene «indispensabile – conclude il sindacato – che la proprietà di Nuova Teleterni torni al tavolo sindacale per offrire adeguate garanzie sulla prosecuzione dell'impresa editoriale e sul rispetto dei contratti di lavoro».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più