CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Servizio pubblico 30 Lug 2015

Rai, nuovo Cda con le vecchie regole. Fnsi e Usigrai: “Non è la volta buona”

Il voto sul disegno di legge di riforma della governance della Rai è atteso per domani, ma intanto il governo ha impresso una repentina accelerata al rinnovo dei vertici di Viale Mazzini, spingendo perché vengano nominati secondo le norme in vigore previste dalla legge Gasparri. In attesa dell’ok al provvedimento che prevede di assegnare – secondo l’ultimo emendamento presentato dall’esecutivo – al nuovo direttore generale gli ampi poteri che la riforma assegna all’amministratore delegato, Fnsi e Usigrai ribadiscono la loro contrarietà alla manovra: “È ufficiale – scrivono in una nota congiunta – per la Rai non è la volta buona”.

Il voto sul disegno di legge di riforma della governance della Rai è atteso per domani, ma intanto il governo ha impresso una repentina accelerata al rinnovo dei vertici di Viale Mazzini, spingendo perché vengano nominati secondo le norme in vigore previste dalla legge Gasparri. In attesa dell’ok al provvedimento che prevede di assegnare – secondo l’ultimo emendamento presentato dall’esecutivo – al nuovo direttore generale gli ampi poteri che la riforma assegna all’amministratore delegato, Fnsi e Usigrai ribadiscono la loro contrarietà alla manovra: “È ufficiale – scrivono in una nota congiunta – per la Rai non è la volta buona”.

Mentre ancora si attende il voto (previsto per domani) sul testo in discussione in aula al Senato, il governo ha avviato le procedure per la nomina del nuovo CdA Rai secondo le norme della legge Gasparri. “Ancora una volta – ammoniscono Fnsi e Usigrai – le mani dei partiti e del governo si allungano sulla Rai Servizio Pubblico”.
“Siamo alla farsa perfetta – scrivono in una nota Federazione della Stampa e Usigrai – si annuncia in grande stile ‘toglieremo la Rai ai partiti e la restituiremo ai cittadini’, poi si presenta un disegno di legge che invece rafforza il ruolo del governo e, infine, si annuncia la tradizionale spartizione lottizzatoria con la legge Gasparri”.
“Altro che restituire la Rai ai cittadini: a questo governo, in perfetta continuità con i precedenti, interessa solo mettere le mani sulle poltrone di Viale Mazzini”, rileva il sindacato.
“Per la Rai non è né la volta né la svolta buona. Per il Servizio pubblico – conclude la nota – è l’ennesima beffa”.

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più