CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Servizio pubblico 23 Lug 2015

Riforma Rai, il 31 luglio il voto finale in Senato. Ecco l’emendamento presentato dal governo

Ancora nulla di fatto sulla missione del servizio pubblico e sul finanziamento della concessionaria di Stato: la riforma della Rai, che il 31 luglio verrà votata al Senato, si arricchisce di un nuovo emendamento governativo che però continua ad ignorare questioni cruciali per il futuro del sistema radiotelevisivo pubblico concentrandosi unicamente sulla governance.

Ancora nulla di fatto sulla missione del servizio pubblico e sul finanziamento della concessionaria di Stato: la riforma della Rai, che il 31 luglio verrà votata al Senato, si arricchisce di un nuovo emendamento governativo che però continua ad ignorare questioni cruciali per il futuro del sistema radiotelevisivo pubblico concentrandosi unicamente sulla governance.

Durante la conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama che ha poi deciso la data del voto finale in Aula sul disegno di legge di riforma della Rai (fissato per il 31 luglio) il ministro Maria Elena Boschi aveva annunciato un nuovo emendamento del governo al testo “che però – precisava la titolare del dicastero per i rapporti con il Parlamento - non sarà integralmente sostitutivo del provvedimento”.
“Non ci sarà alcun maxi-emendamento del governo né richieste di voto di fiducia - aveva precisato a stretto giro il Sottosegretario di Stato al ministero dello Sviluppo economico, Antonello Giacomelli, anticipando a sua volta che il governo avrebbe presentato i propri emendamenti e che questi non avrebbero riguardato in nessun modo l’impianto della legge “ma solo alcuni aspetti specifici”.
Ecco, dunque, gli aspetti specifici cui faceva riferimento il Sottosegretario:
“In fase di prima applicazione e sino al primo rinnovo del Consiglio di amministrazione successivo alla data di entrata in vigore della presente legge, al direttore generale della Rai-Radiotelevisione italiana Spa, che risulti già nominato alla medesima data, si applicano le disposizioni riferite all’amministratore delegato contenute nella presente legge”.
“Le disposizioni sulla composizione e la nomina del consiglio di amministrazione della Rai-Radiotelevisione italiana Spa si applicano a decorrere dal primo rinnovo del consiglio medesimo, successivo alla data di entrata in vigore della presente legge”.
“In caso di dimissioni o impedimento permanente ovvero di revoca del presidente o di uno o più membri del Consiglio di amministrazione della Rai-Radiotelevisione italiana Spa, sino al primo rinnovo del consiglio medesimo successivo alla data di entrata in vigore della presente legge, si applicano le disposizioni dell'articolo 49 del testo unico di cui al decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 117, nel testo vigente in data antecedente a quella di entrata in vigore della presente legge”.

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più