CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Minacce 30 Mar 2014

Stadio del Conero, intimidazioni verso il collega Natalini

Sigim (sindacato giornalisti marchigiani) e Gcm (gruppo cronisti marchigiani) denunciano il grave episodio di intimidazione avvenuto oggi pomeriggio ad Ancona allo stadio Del Conero. Durante la partita Ancona-Sulmona, valevole per il campionato di serie D, nella curva dei tifosi dell’ancona è apparso uno striscione dai toni minacciosi e ingiuriosi nei confronti del giornalista del Messaggero, Michele Natalini. Lo striscione, lungo alcune decine di metri, è stato esposto durante il secondo tempo della partita. Sigim e Gmc considerano l’episodio come un attacco alla libertà d’informazione e come un ulteriore avvertimento, dai toni inaccettabili, nei confronti di un giornalista già oggetto di una querela, poi ritirata, da parte dei vertici della società.

Sigim (sindacato giornalisti marchigiani) e Gcm (gruppo cronisti marchigiani) denunciano il grave episodio di intimidazione avvenuto oggi pomeriggio ad Ancona allo stadio Del Conero. Durante la partita Ancona-Sulmona, valevole per il campionato di serie D, nella curva dei tifosi dell’ancona è apparso uno striscione dai toni minacciosi e ingiuriosi nei confronti del giornalista del Messaggero, Michele Natalini. Lo striscione, lungo alcune decine di metri, è stato esposto durante il secondo tempo della partita. Sigim e Gmc considerano l’episodio come un attacco alla libertà d’informazione e come un ulteriore avvertimento, dai toni inaccettabili, nei confronti di un giornalista già oggetto di una querela, poi ritirata, da parte dei vertici della società.

E’ spiacevole notare come simili fatti, di inusitata violenza verbale e personale, trovino spesso realizzazione in ambito sportivo, dove i tifosi - e talvolta le stesse società - tendono a immaginare il giornalista come entità organica ai desiderata dell’ambiente, dimenticando che il ruolo della stampa è naturalmente critico e mai può appiattirsi sugli interessi in campo. Per questo Sigim e Gcm auspicano che l’Ancona 1905, impegnata in un cammino agonistico certamente positivo che potrebbe a breve riportarla nel calcio professionistico, voglia dare immediato segnale pubblico di dissociazione da un attacco palesemente intimidatorio. Sigim e Gmc vigileranno perché anche negli stadi marchigiani lo svolgimento della professione giornalistica sia pienamente garantito in un clima civile, lontano da intimidazioni e ingiurie, e a questo fine daranno vita a un’immediata campagna di sensibilizzazione delle istituzioni e delle autorità sportive e di pubblica sicurezza. Al collega Michele Natalini, anche segretario dell'unione stampa sportiva marchigiana, la piena solidarietà del Sigim e Gcm. Ancona 30 marzo 2014
Roberto Mencarini (segretario Sigim)
Giovanni Rossi (presidente Gcm)

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più