CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Striscione contro i giornalisti durante una della manifestazione 'no pass' di Trieste (Foto: @alesmartegani)
Minacce 20 Ott 2021

Trieste, il Cdr del Piccolo: «Clima d'odio contro i giornalisti. Le istituzioni alzino il livello di guardia»

Dopo gli ultimi episodi, la redazione manifesta «totale solidarietà a chi sia oggetto di minacce nell'adempimento del proprio lavoro» e si dichiara «pronta a difendere con ogni mezzo, anche in sede legale con denunce e querele, il diritto di informare e di lavorare dei colleghi».

«Da giorni continuano da parte dei manifestanti "No green pass" atteggiamenti intimidatori nei confronti di chi lavora per informare. Dopo gli "assedi" alla sede del Piccolo e della Rai delle settimane scorse, anche i nostri giornalisti e fotografi, impegnati sul territorio senza sosta, hanno subito aggressioni verbali o via social e sono costretti a documentare i fatti cittadini in un clima ostile che va ben oltre la manifestazione di un democratico e civile dissenso». Lo denuncia il Comitato di redazione del Piccolo di Trieste in un comunicato pubblicato oggi, 20 ottobre, sul quotidiano.

«Giornalisti insultati, minacciati e aggrediti, troupe televisive (Tg3, Rainews24, Udinese tv, Telequattro) – snocciolano i rappresentanti sindacali – alle quali è stato impedito di effettuare i propri servizi e a volte i collegamenti in diretta, in un generale e pesantissimo clima di odio e attacco agli operatori dell'informazione. Ormai a Trieste le manifestazioni "No green pass" sono diventate triste e consueto teatro per i nemici dell’'rticolo 21 della Costituzione. Si tratta di rumorose minoranze che ostacolano il diritto dovere di informare e dunque di essere informati e che minano le basi stesse di una democrazia».

E poi c'è il web. «Quel territorio senza regole – prosegue il Cdr – dove tutti pensano di poter insultare e minacciare chiunque senza doverne poi rispondere. La nostra redazione, oltre a manifestare totale solidarietà a chi (giornalisti spesso precari e collaboratori e per questo ancora più esposti, fotografi e cineoperatori freelance) sia oggetto di minacce nell'adempimento del proprio lavoro, è pronta a difendere con ogni mezzo, anche in sede legale con denunce e querele, il diritto di informare e di lavorare dei colleghi».

La redazione lancia al tempo stesso «con forza» un ulteriore appello alle istituzioni (assieme all'Ordine dei giornalisti e all'Assostampa Fvg), affinché «vi sia la massima vigilanza e si alzino le misure di difesa necessarie contro le manifestazioni di violenza e minacce indirizzate a chi ha la "colpa" di lavorare e raccontare i fatti».

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più