CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Tunisi, la polizia chiude la sede di al-Jazeera (Foto: @AJEnglish)
Internazionale 26 Lug 2021

Tunisi, la polizia chiude la sede di al-Jazeera. Ifj: «Attacco alla libertà di stampa»

Secondo il sito web dell'emittente, almeno 20 poliziotti in borghese sono entrati negli uffici chiedendo ai giornalisti e ai dipendenti della tv satellitare di lasciare la redazione. «Dalle forze di sicurezza nessun preavviso riguardo lo sgombero», fa sapere il direttore del canale in Tunisia, Lofti Hajji.

Le forze di sicurezza tunisine «hanno provveduto alla chiusura» dell'ufficio di al-Jazeera in Tunisia. Lo riferisce il sito di notizie Tunisie Numerique. Ai giornalisti e ai dipendenti della tv satellitare è stato chiesto di lasciare la redazione, ha fatto sapere il direttore del canale a Tunisi, Lofti Hajji. Secondo il sito web di al-Jazeera, almeno 20 poliziotti in borghese sono entrati negli uffici a Tunisi, chiedendo allo staff di uscire.

«Non avevamo ricevuto preavvisi dalle forze di sicurezza riguardo lo sgombero del nostro ufficio», ha detto Hajji in dichiarazioni diffuse da al-Jazeera. Giornalisti citati dall'emittente con sede in Qatar avrebbero riferito di aver ricevuto ordine di spegnere i telefoni e di non aver avuto modo di raccogliere le proprie cose.

La chiusura arriva all'indomani della decisione del presidente Kais Saied di congelare per 30 giorni il parlamento, revocare l'immunità ai deputati e imporre le dimissioni al premier Hichem Mechichi.

Immediata la condanna dell'accaduto da parte della Federazione internazionale dei giornalisti che su Twitter denuncia l'«attacco alla libertà di stampa» ed esorta le autorità tunisine «a rispettare la libertà di informazione in un momento così delicato».

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più