CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Turchia, scarcerato il giornalista e scrittore Ahmet Altan (Foto: @Radio1Rai)
Internazionale 15 Apr 2021

Turchia, scarcerato il giornalista e scrittore Ahmet Altan

Liberato dopo oltre quattro anni e mezzo di prigionia con una sentenza della Corte di Cassazione che ha ribaltato la precedente condanna. Poche ore prima la Corte europea dei diritti dell'uomo aveva condannato le autorità di Ankara stabilendo che la detenzione violava i suoi diritti.

Il 14 aprile 2021 lo scrittore e giornalista turco Ahmet Altan è stato liberato dopo oltre quattro anni e mezzo di prigionia, con una sentenza della Corte di Cassazione che ha ribaltato la sua precedente condanna. Ahmet Altan era stato incarcerato con l'accusa di aver diffuso 'messaggi subliminali' a favore del tentato colpo di stato nel luglio 2016. Nel 2018, alla fine di un processo che ha suscitato in tutto il mondo la preoccupazione e l'indignazione dei sostenitori della libertà di parola e di opinione, era stato condannato all'ergastolo, poi commutato in dieci anni di carcere.

Il tribunale d'appello ne aveva disposto la scarcerazione, ma la misura era poi stata ritirata per il ricorso della procura e Altan era tornato in carcere. Il 13 aprile una sentenza della Corte Europea dei Diritti Umani aveva stabilito che la sua detenzione fosse illegittima e costituisse una violazione dei suoi diritti.

Ahmet Altan è un giornalista e scrittore turco, nato ad Ankara nel 1950. Ex direttore del quotidiano Taraf, da sempre critico nei confronti del presidente Erdogan. Per la sua liberazione si sono mobilitati scrittori e intellettuali in tutto il mondo. I suoi romanzi e saggi hanno venduto milioni di copie e sono stati premiati in Turchia e all'estero. 'Scrittore e assassino' (2016, Edizioni E/O) è stato venduto in 7 paesi. La sua memoria difensiva è stata pubblicata in Italia con il titolo 'Tre manifesti per la libertà' (2018, Edizioni E/O). Il suo prossimo romano, 'Signora vita', uscirà il 26 maggio sempre per le Edizioni E/O. (askanews)

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più