CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Minacce 25 Gen 2014

Capogruppo Pd risponde con sputo ad Antonio Ricchio

“Ieri, durante la presentazione del candidato dei renziani alla segreteria regionale del Pd, il collega Ricchio ha incrociato Sandro Principe nella hall dell’albergo lametino dove si stava celebrando l’appuntamento. Il capogruppo del Pd in consiglio regionale, al cenno di saluto del cronista politico, ha risposto sputando nella sua direzione”.

“Ieri, durante la presentazione del candidato dei renziani alla segreteria regionale del Pd, il collega Ricchio ha incrociato Sandro Principe nella hall dell’albergo lametino dove si stava celebrando l’appuntamento. Il capogruppo del Pd in consiglio regionale, al cenno di saluto del cronista politico, ha risposto sputando nella sua direzione”.


Il Comitato di redazione del “Corriere della Calabria”, nel riferire la notizia, esprime «la più ferma condanna per quanto accaduto al collega Antonio Ricchio e stigmatizza un atteggiamento che squalifica un intero partito che attualmente rappresenta la maggiore formazione presente in consiglio regionale».
“Un gesto vergognoso – sottolinea il Cdr del Corriere della Calabria – che, a prescindere da qualsiasi motivo specifico – la probabile reazione a un pezzo a lui poco “gradito” firmato dal collega –, non tiene conto né del diritto di cronaca universalmente riconosciuto ai giornalisti, né soprattutto è consono al ruolo istituzionale che Principe riveste. Diviene piuttosto il segnale pericoloso dell’arroganza e del disprezzo del nostro ruolo, a cui questa classe politica ci ha da tempo abituato”.
Sandro Principe, 64 anni, avvocato esperto di diritto amministrativo, prima di essere nominato capogruppo del Pd in Consiglio regionale, è stato deputato del Partito Socialista Italiano e sottosegretario al Ministero del Lavoro nel Governo Amato I e nel Governo Ciampi, oltre che sindaco del suo comune, Rende.
Figlio di Francesco Principe, leader socialista calabrese e presidente della Giunta regionale, non è un pivello, grezzo e maleducato, catapultato in politica da chissà chi per curare gli interessi di chissà che cosa. Il rispetto delle regole, della libertà di stampa e di critica dovrebbe, insomma, conoscerli bene, non fosse altro per la sua professione. Dunque, cosa può spingere un politico della caratura di Sandro Principe a scadere nella più squallida e volgare caduta di stile?
La risposta, in questo caso, non spetta certo al capogruppo del Pd, che il gesto l’ha fatto e – da avvocato – sa bene che dovrà risponderne in tutte le sedi. Quelle che il collega Antonio Ricchio, cui va tutta la solidarietà del sindacato dei giornalisti, riterrà più opportune. Certo se Principe chiedesse pubblicamente scusa al giornalista, potrebbe quantomeno suscitare un’umana comprensione.
La risposta spetta, invece, al suo partito, il Pd, che, paradossalmente, in uno sputo si gioca tutta la sua credibilità.
Antonio Ricchio, da buon giornalista, ha fatto semplicemente il suo lavoro. Mestiere, quello del giornalista, che, di questi tempi, e soprattutto in Calabria, non frutta né economicamente, né in termini di notorietà, anzi spesso espone a querele temerarie sporte solo nel tentativo di intimidire o imbavagliare la stampa libera.
Spetta, a questo punto, al Partito democratico decidere se, nel Consiglio regionale della Calabria, si senta rappresentato da un capogruppo che alla civile convivenza, al dialogo, alla tolleranza, al rispetto delle opinioni e, soprattutto, della persona altrui, risponde con la più ripugnante delle “armi”: lo sputo che, si sa, è molto facile – se rilasciato controvento – possa finire per tornare al mittente. Carlo Parisi da www.giornalisticalabria.it del 25 gennaio 2014

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più