CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Un momento dell'iniziativa 'Chi ha paura della solidarietà?'
Associazioni 02 Apr 2021

'Chi ha paura della solidarietà?', da Padova la proposta di un'assemblea comune sul tema migrazioni

L'idea, lanciata dal presidente della Fnsi durante l'iniziativa online promossa dalla Sede pensante di Coalizione Civica per Padova, subito accolta dal presidente di Carta di Roma, Valerio Cataldi. Giulietti: «Anche i giornalisti che si occupano di migranti sono presi di mira dalla magistratura». Il racconto della serata nelle parole del moderatore, Enrico Ferri.

di Enrico Ferri*

Dal presidente della Federazione nazionale della Stampa italiana, Giuseppe Giulietti, una proposta di assemblea comune tra Coalizione Civica per Padova, Mediterranea Saving Humans, Linea d'Ombra e Carta di Roma per dare avvio ad un percorso comune e momenti di approfondimento. Proposta subito accolta dal presidente di Carta di Roma, Valerio Cataldi. Così si è aperta una serata molto partecipata, su piattaforma Zoom e diretta Facebook, promossa dalla Sede pensante di Coalizione Civica per Padova, coordinata da Fabrizio Caberlon.

I racconti di chi ha vissuto in prima persona i salvataggi in mare, e spesso ha visto morire annegati, adulti, donne e bambini, gridando il proprio nome per non essere dimenticati, e di chi ha curato i migranti giunti a Trieste dalla rotta balcanica, stremati e feriti da centinaia di chilometri macinati a piedi, tra pericoli, percosse e anche torture, hanno tenuto incollate allo schermo centinaia di persone.

È stata ricordata la 'Staffetta del digiuno' alla quale hanno aderito centinaia di attivisti della Cgil e dell'Anpi, promossa da una rete di solidarietà – rete Dasi – con i migranti della rotta balcanica. Solidarietà e affetto nei confronti di Aamir Labbas, iraniano, costretto in una sedia a rotelle dopo un doloroso percorso e bloccato in un campo bosniaco. Amir sta facendo lo sciopero della fame per ottenere cure adeguate al suo stato e dignità, cosa impossibile data la situazione del campo di Sedra nel comune di Cazin.

'Chi ha paura della solidarietà?' era il titolo dell'incontro teso a fare chiarezza sulle inchieste giudiziarie contro una parte dell'equipaggio della Mare Jonio e il fondatore dell'associazione linea d'Ombra, inquisiti per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. E proprio Giulietti, tra gli altri, ha detto che «non solo i volontari delle Ong che operano in mare e alle frontiere, ma anche i giornalisti che si occupano di migranti sono presi di mira dalla magistratura». Ma in qualche caso anche da poteri criminali.

C'è un filo – è stato detto – che lega le attività del ministero dell'Interno sotto la guida dell'ex ministro della Lega e ora della Lamorgese: 4 sono state le navi delle Ong bloccate da Salvini e ben 7 dalla ministra in carica oggi. Prima con le inchieste giudiziarie, mai giunte al processo, e spesso archiviate, e ora attraverso il fermo amministrativo (dati Ispi). E ora si torna alla repressione per via giudiziaria. A questo proposito va letto l'approfondimento del giornalista Nello Scavo sulla vicenda Mare Jonio che smentisce fantasiose ricostruzioni di una parte dell'informazione.

E l'Europa? «Non è questa l'Europa che vogliamo», è stato detto. L'Unione oggi è una fortezza dove prevalgono gli Stati nazionali, che espellono i migranti. Oggi più che mai le attività umanitarie e di cura che tendono a interferire, in mare come in terra, rispetto ai piani europei di esternalizzazione e delle frontiere, e di assoluto controllo militare in mare – senza flotte civili in navigazione, scomodi testimoni – sono atti politici determinanti e quindi contrastati a livello istituzionale con tutti i mezzi legali e anche illegali, come nel caso dei respingimenti alle frontiere del Nord-Est.

Oltre al presidente Giulietti, all'incontro sono intervenuti: Gian Andrea FranchiAndrea Franchi, volontario e fondatore con Lorena Fornasir dell'associazione 'Linea d'Ombra' che fa assistenza all'umanità migrante; Alessandro Metz, operatore sociale e armatore della Mare Jonio; don Mattia Ferrari, viceparroco di Nonantola, cappellano di bordo e membro del direttivo di Mediterranea Saving Humans; Clara Mogno Mogno, ricercatrice in filosofia all'Università di Padova, esponente del direttivo di Mediterranea S.H.; Stefano Collizzolli, videomaker, regista insieme con Daniele Gaglianone di 'Dove bisogna stare', prodotto da Zalab; Valerio Cataldi, presidente di Carta di Roma.

MULTIMEDIA
Qui il link alla registrazione del dibattito.

*Giornalista di Articolo21 Veneto, moderatore dell'iniziativa 'Chi ha paura della solidarietà?'

 

@fnsisocial

Articoli correlati