CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Minacce 08 Lug 2015

Minacce a Nello Trocchia, Articolo21: “Tutti i media riprendano le sue denunce”. La solidarietà del sindacato

Ancora un giornalista minacciato a causa del suo lavoro in territori difficili. Si tratta di Nello Trocchia, collaboratore del Fatto Quotidiano. A lanciare la denuncia e a chiedere ai media italiani di rilanciare le sue inchieste sono il direttore e il portavoce di Articolo21, Stefano Corradino e Giuseppe Giulietti. Al collega la solidarietà della Federazione nazionale della stampa italiana.

Ancora un giornalista minacciato a causa del suo lavoro in territori difficili. Si tratta di Nello Trocchia, collaboratore del Fatto Quotidiano. A lanciare la denuncia e a chiedere ai media italiani di rilanciare le sue inchieste sono il direttore e il portavoce di Articolo21, Stefano Corradino e Giuseppe Giulietti. Al collega la solidarietà della Federazione nazionale della stampa italiana.

“Il Fatto quotidiano ha denunciato le minacce di un boss della camorra nei confronti del suo collaboratore Nello Trocchia. Nel corso di una conversazione telefonica sono state intercettate minacce e progetti di aggressione. La telefonata risale tuttavia ad un mese fa e sino ad oggi non sarebbero ancora state decise le indispensabili misure di protezione. Nello Trocchia ha già annunciato che continuerà nelle sue inchieste, senza farsi intimidire”. 
Lo scrivono in una nota Stefano Corradino e Giuseppe Giulietti, direttore e portavoce di Articolo21. 
“Proprio per questo è necessario che le Autorità intervengano subito ed in modo adeguato e che tutti i media riprendano ed amplifichino le denunce di Nello Trocchia, unico modo per esprimere una operosa solidarietà e per “illuminare” a giorno le oscurità tanto care ai professionisti del crimine”.
Al collega Nello Trocchia la Federazione nazionale della stampa italiana esprime solidarietà e vicinanza.

Associazione Stampa Romana, solidarietà al collega Nello Trocchia
L’Associazione stampa romana esprime solidarietà e vicinanza al collega Nello Trocchia, collaboratore de Il Fatto quotidiano, l’Espresso e La gabbia, minacciato da un boss della camorra per la sua continua attività di denuncia delle mafie e per le sue inchieste instancabili sulla Terra dei Fuochi. In un’intercettazione del 10 giugno dal carcere un boss della camorra e il fratello parlano di  un vero e proprio agguato nei confronti del collega: “al giornalista devo spaccargli il cranio” affermano nella conversazione, nella quale dicono di conoscere anche il posto in cui il cronista lavora. Minacce serie che hanno prodotto un’informativa alla Procura Antimafia. Purtroppo, a distanza di un mese, la Procura non ha ancora disposto alcuna protezione nei confronti di Nello Trocchia, nonostante la brutalità delle minacce e il livello elevato di allerta. Crediamo che sia necessario mettere in atto immediatamente misure di tutela adeguate a garantire al collega la propria incolumità e a permettergli di continuare la sua attività indispensabile di denuncia delle mafie in Campania e nel basso Lazio. Questo è l’ennesimo caso di minacce a un cronista che registriamo nel nostro Paese: tra il 2006 e il 2014 i dati dell’osservatorio di Ossigeno per l’Informazione parlano di 2300 episodi di violenza nei confronti dei giornalisti. Le intimidazioni delle mafie hanno fatto precipitare l’Italia al 73° posto nella classifica sulla libertà d’informazione stilata da Reporter senza frontiere. Dati drammatici che non possono essere assolutamente sottovalutati: un’informazione costretta alle continue minacce della criminalità pregiudica  una corretta dialettica democratica nel Paese.  Auspichiamo che le autorità dispongano al più presto misure di tutela adeguate nei confronti di Nello Trocchia al quale ci stringiamo: abbiamo tutti bisogno che continui nella sua attività di racconto delle mafie. Le intimidazioni e le minacce non devono fermare l’informazione libera.

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più