CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
La giornalista Federica Angeli (Foto: Facebook)
Minacce 08 Ott 2016

Nuovi attacchi alla giornalista Federica Angeli, Fnsi: «La critica è legittima, l'aggressione verbale no»

«A tutti deve essere consentito di dissentire anche nei confronti di un giornale e di quello che scrive un giornalista. Un conto, però, sono la critica e il dissenso, un altro l'aggressione verbale». Il segretario Lorusso e il presidente Giulietti commentano così gli ultimi attacchi alla giornalista Federica Angeli. Alla collega la solidarietà anche dell'Unci.

«Il diritto alla critica è sacrosanto. A tutti deve essere consentito di dissentire anche nei confronti di un giornale e di quello che scrive un giornalista. Un conto, però, sono la critica e il dissenso, un altro l'aggressione verbale. Gli attacchi e gli insulti a Federica Angeli, cronista costretta a vivere sotto scorta e insignita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per il suo coraggio e per le inchieste che porta avanti non sono né accettabili né tollerabili».

Così il segretario generale e il presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, rispondono ai nuovi attacchi rivolti alla giornalista di Repubblica in seguito alla polemica nata dopo alcuni tweet relativi al ritrovamento dell’innesco di un ordigno davanti all’abitazione di un collaboratore della giunta 5 stelle a Roma.

«Nel caso specifico – proseguono i vertici della Fnsi – va inoltre ricordato che Federica Angeli, come tutti gli altri cronisti nelle sue condizioni, non ha chiesto né scelto di vivere sotto scorta: la scorta le è stata assegnata perché è minacciata dalla criminalità organizzata. Per questa ragione, la Fnsi ha chiesto un incontro al ministro dell'Interno per sollecitare maggiore attenzione e tutela per tutti i cronisti minacciati e per assicurare che l'esercizio della professione non venga ogni giorno messo a rischio da aggressioni e violenze sempre più frequenti, di qualsiasi natura e colore». (Roma, 7 ottobre 2016)


Federica Angeli denuncia Beppe Grillo per istigazione all'odio. Solidarietà e appoggio dell'Unci: «Basta con il linciaggio organizzato del tribunale della rete, più protezione per i cronisti»
L'Unione nazionale cronisti esprime piena solidarietà e appoggio alla collega Federica Angeli, che questa mattina ha denunciato Beppe Grillo per i nuovi, intollerabili attacchi via social scatenatile contro dal capo del M5S. Come al solito l'"accusa" è di aver scritto la verità, in questo caso descrivendo la composizione del presunto ordigno recapitato al vicesindaco di Roma.
Non è la prima volta che il Movimento attacca a testa bassa e senza scrupoli Federica. Un anno fa aveva annunciato in una conferenza stampa di voler consegnare una relazione in Commissione Antimafia in cui Federica Angeli - sotto scorta dal 2013 in quanto testimone di giustizia di un delitto tra gang mafiose - veniva accusata di essere vicina ai clan di Ostia. Quella relazione non arrivò mai in Commissione completa, la parte sulla Angeli fu tolta, dopo che la bozza infamante era circolata nelle redazioni dei quotidiani.
Ieri Grillo ha creato l'hastag #angelichiediscusa dopo un articolo della cronista in cui spiegava che la questura aveva chiarito non essere un ordigno quello lasciato sotto casa del collaboratore della giunta né di aver mai detto che si trattava di una intimidazione. Notizia apparsa non solo sul quotidiano la Repubblica ma anche sul Corriere della Sera. L'hashtag del leader del Movimento ha scatenato decine di militanti con insulti e infamie all'indirizzo della giornalista che, questa mattina, ha denunciato il capo del M5S "per istigazione all'odio e alla violenza", e per minacce, diffamazione e ingiurie i suoi numerosi follower.
La posizione nella classifica della libertà di stampa italiana è anche legata a questo, alle pressioni che i cronisti, oltre dalla criminalità, subiscono dai poteri costituiti. Questo irresponsabile linciaggio mediatico deve finire, i cittadini hanno il diritto di conoscere la verità dei fatti, anche quando - spesso - è sgradita ai capipopolo come ai capibastone, e la collega Angeli ha ancora una volta semplicemente fatto il proprio lavoro, riportando nell'articolo entrambe le versioni: quella della Raggi, scritta su Facebook, e quella della questura che smentiva due dettagli importanti di quel post.
L'Unci ribadisce ancora una volta l'urgenza di intervenire per legge, aumentando le difese di chi si trova bersaglio dell'irresponsabile, mistificato e maldirezionato tribunale del popolo della rete, e si farà promotrice di un'iniziativa al riguardo. (Roma, 8 ottobre 2016)

@fnsisocial

Articoli correlati