Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Libertà di informazione | 20 Lug 2018
CONDIVIDI:

'Querela di governo' contro Saviano, Fnsi e Odg: «Ennesima variante delle aggressioni alla libertà di informazione»

Per i rappresentanti dei giornalisti, invece di scegliere la via giudiziaria «il ministro Salvini avrebbe potuto sollecitare un confronto pubblico ove far valere le sue ragioni in un contraddittorio con lo scrittore, da anni nel mirino della mafia e della camorra».
Lo scrittore Roberto Saviano

«Le 'querele di governo' annunciate su carta intestata di un ministero rappresentano l'ennesima variante delle aggressioni contro la libertà di informazione e il diritto di critica. Ognuno ha diritto a difendere la sua onorabilità, ma non facendosi scudo del potere e dell'autorità di governo. La querela scagliata da Salvini contro Saviano è ancora più grave perché arriva dopo le polemiche sulla scorta allo scrittore». Federazione nazionale della Stampa italiana e Ordine nazionale dei giornalisti commentano così la decisione del ministro dell'Interno di querelare l'autore di Gomorra.

«Invece della 'querela di governo' – rilevano Fnsi e Odg – il ministro avrebbe potuto sollecitare un confronto pubblico ove far valere le sue ragioni in un contraddittorio con Roberto Saviano, da anni nel mirino della mafia e della camorra. Ci auguriamo che dall'interno dello stesso governo vogliano alzarsi voci critiche e autorevoli prese di distanza dalla 'querela di governo'. Naturalmente questa scelta avrà una sola conseguenza pratica: l'ulteriore discesa dell'Italia in tutte le graduatorie internazionali in materia di libertà di informazione».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più